Come fermare “l’emorraggia” di persone che mollano il tuo business: 6 Steps per una START-UP efficace

La START-UP di un nuovo collaboratore è forse la fase più “delicata” è fondamentale nel processo di DUPLICAZIONE della tua squadra.

Come avrai già letto in altri articoli del mio Blog, se non c’è duplicazione, allora il NM equivale ad un lavoro tradizionale.

L’avvio di un nuovo distributore nella tua rete determina nel 90% dei casi, il suo successo o il suo fallimento in questo business.

Di conseguenza a questo, come potrai ben immaginare, una start-up fatta bene (come adesso vedremo) può determinare una VELOCE DUPLICAZIONE del tuo team.

Viceversa una start-up fatta male, può portarti a dover sempre ripartire da zero!

Conosci qualcuno che sponsorizza come un matto, ma si lascia alle spalle una scia di “morti“?

Beh allora ti consiglio vivamente di fargli leggere questo articolo.

START-UP e DUPLICAZIONE sono strettamente collegati.

Certo, non dipendono in maniera diretta poichè ci sono altri piccoli seppur importanti fattori che influiscono sulla duplicazione, ma sicuramente la start-up di un nuovo collaboratore è tra le cause più importanti di crescita o decrescita di un team.

Qual è l’ERRORE che molti networker commettono nella START-UP?

E’ un errore che anche io ho commesso molte volte e ne ho pagato poi nel tempo le conseguenze.

Sostanzialmente l’errore sta nel NON dare la giusta importanza a questa fase!

Tutto qui (si fa per dire).

Solitamente la start up si fa e non si fa.

Mi spiego meglio…

La start-up che farà “colare a picco” il tuo NUOVO collaboratore

Gli si dicono giusto le solite cose DOPO che lo hai sponsorizzato.

Si fa “finta” di fissare degli OBIETTIVI, ma in realtà non ce ne può fregar de meno (o quasi). Tutto quello che importa davvero è “sperare” che questo nuovo “pollo” che abbiamo davanti dia i suoi frutti senza stressarci troppo la vita.

Gli si dice di fare la LISTA NOMI:

“Allora bisogna fare la lista nomi, scrivi TUTTI i tuoi amici parenti ecc…senza fare distinzioni e poi invitali agli eventi.”

Gli si racconta COSA dire (ma poche volte COME), dandogli giusto qualche “script” e sperando che lui a casa nei giorni seguenti, con zero esperienza in questo settore, si metta a chiamare come un pazzo la sua lista nomi. (Inoltre noi speriamo anche che l’abbia fatta di 200 nomi e non di 20)

Gli si racconta l’importanza degli eventi, di esserci sempre e di non mollare mai.

Che è un gioco di numeri e che dovrà prendere un sacco di NO prima di arrivare al SI. Ma che non dovrà mollare e tenere duro.

Tutto questo dura solitamente tra i 20/25 minuti e poi ci si saluta tutti belli soddisfatti credendo di aver fatto la START-UP al nuovo collaboratore.

In realtà cosa accade davvero?

Hai presente durante la festa del ringraziamento americana dove i poveri tacchini che vengono prima spennati, poi riempiti e imbottiti e poi messi nel forno?

 

duplicazione network marketing

 

Ecco tu in quel momento, facendo la start up in quel modo, stai esattamente facendo la stessa cosa con il nuovo distributore.

Prima lo spenni –> gli fai acquistare il pacchetto o kit più alto che c’è per partire nella tua azienda, senza fargli capire davvero il perchè è conveniente, ma solamente perchè sai che ti farà guadagnare di più e che genererà più Punti Fatturato.

Poi lo “imbottisci”–> “riempiamo” il povero cervello del nuovo distributore di 2000 informazioni, talvolta molte non necessarie in fase di start-up, nella speranza che le capisca e metta in pratica fin da subito dopo che ci siamo salutatati.

Immagina per un secondo un bambino il primo giorno di elementari. Il professore gli racconta in una giornata quello che invece il bambino dovrà assimilare nel corso dell’intero anno. Capirà qualcosa?

Un bel niente, tornerà a casa piangendo dalla mamma, dicendo che non vuole più andare a scuola.

e per finire…

Mettiamo il “tacchino in forno” –> ovvero aspettiamo che il nuovo distributore molli l’attività.

Nella realtà dei fatti accade questo.

Il nuovo collaboratore va a casa con una lista nomi di 10/20 persone si e no. Proverà ad aumentarla ma gli verrano mille dubbi se mettere un amico piuttosto che un altro.

Dopo averci pensato per più di un’ora si sarà accorto che alla lista nomi iniziale avrà aggiunto forse 20/25 nomi in più.

Inizierà a chiamarli con lo “script” che gli hai dato e si beccherà una valangata di NO, se è fortunato.

Se è sfortunato oltre ai NO si beccherà anche dei sonori “VAFFANC…”.

Tempo altri 20 min e penserà di non essere in grado, la sua compagna/o o i suoi parenti lo prenderanno per pirla.

Mettici pure in mezzo qualche senso di colpa e la “frittata” è pronta!

Ciao ciao al tuo nuovo collaboratore!

 

perdere collaboratori network marketing

 

TEMPO MEDIO DI VITA DI UN NUOVO COLLABORATORE CON QUESTA START-UP? Se sei fortunato dura 1 mese.

Dici che ho esagerato? Forse un po’.

Ma è importante capire che se vogliamo che il Network Marketing in Italia venga davvero riconosciuto come una professione e non un hobby, dobbiamo prima di tutto formare le persone come professionisti e non come invasati senza un minimo di competenza che mollano dopo pochi mesi.

Vediamo quindi…

 

COME FARE UNA START-UP EFFICACE

Sono sicuro che, anche se la start up cambia di azienda in azienda, la base debba sempre essere UNA!

Far GUADAGNARE il tuo nuovo collaboratore nei PRIMI 2/3 giorni successivi alla sua iscrizione.

 

guadagnare network marketing

 

Lo ripeto per sicurezza…

Far GUADAGNARE il tuo nuovo collaboratore nei PRIMI 2/3 giorni successivi alla sua iscrizione.

DEVI fargli avere del CASH in mano dalla vendita dei tuoi prodotti (o servizi) entro i primi 2/3 giorni.

Perchè parlo della vendita?

Perché è la forma di guadagno più veloce è immediata che c’è in ogni azienda di Network Marketing (no Ponzi).

Ha senso riempire di 1000 informazioni il nuovo collaboratore in quel momento? NO ovviamente.

Anche perchè nella sua mente, mentre tu parli, lui sta pensando:

“Io dovrò dire tutta sta pappardella ad ogni nuovo collaboratore che iscriverò? Ma chi me l’ha fatto fare…”

Ecco COME dovrebbe avvenire una START-UP fatta bene:

1) Chiedere PRIMA di iscriverlo (o di fargli un kit o pacchetto) il suo PERCHE‘ vuole iniziare questo tipo di attività e cosa si aspetta.

–> Chiedere prima che tiri fuori la carta di credito fa TUTTA la differenza perché questo gli dimostrerà che sei davvero interessato a lui!

2) A questo punto procedi con la REGISTRAZIONE ONLINE e solitamente con l’acquisto del kit iniziale.

–> Tenendo bene a mente di far fare a lui TUTTA la procedura di iscrizione in maniera tale che la prossima volta sappia già come farla.

2b) Fate con il nuovo incaricato una specie di COMPROMESSO (parte fondamentale).

–> io per semplicità lo chiamo “compromesso AA – BB”. Cosa vuol dire… Vuol dire che fai un compromesso tale per cui quando tu gli dirai di FARE qualcosa per fargli raggiungere i SUOI obiettivi che a breve definirete, lui eseguirà alla lettera. Se gli dirai di fare A lui farà A. Se gli dirai di fare B lui farà B. 

–> questo non perché tu sei il suo capo, ma perchè si presume che tu abbia esperienza e lui no. Se domani vai a fare le pizze ascolti i consigli di chi ha più esperienza nel prepararle o fai di testa tua? IDEM in questa attività

–> questo “patto” è molto importante secondo me perchè evita che tu debba continuamente inseguire il nuovo collaboratore e metterà i puntini sulle “i”fin da subito. Zero iniziativa personale all’inizio. Segui quello che ti dico io. Alla 3a volta che non segui ciò che ti dico ci salutiamo.

–> almeno così opero io. Ha senso sprecare fiato ed energie e soprattutto TEMPO con chi vuole fare sempre di testa sua?

3) Definire con lui degli OBIETTIVI reali e soprattutto raggiungibili dei primi 30/60/90 gg, il suo obiettivo di GUADAGNO in questi primi 3 mesi e il TEMPO che è disposto a dedicare SERIAMENTE  a questa attività.

–> Questo è fondamentale poichè eviterà a noi di rompere le palle al nuovo collaboratore ogni giorno chiedendogli dell’attività. Se vuole dedicare 2/3 ore a settimana è inutile che lo tartassiamo ogni giorno di chiamate. L’obiettivo dovrebbe essere quello di creargli un “abito su misura”.

4) Iniziare a scrivere con lui la lista nomi almeno dei primi 30/40  nomi facendogli capire la semplicità nella sua creazione.

–> A nessuno piace fare una lista nomi se non gli si spiega a cosa serve. Una spiegazione rapida e alla portata di tutti? –> La lista nomi è come il tuo conto corrente. Vuoi avere più soldi dentro il tuo conto? Allora fai una lista nomi più lunga. Ma come li prelevi questi soldi sul c/c? Con un bancomat. E qual è il bancomat nel network marketing? Il suo bel telefono cellulare! EASY no?

5) Fare fin da subito li con lui le prime chiamate di “vendita” del prodotto o del business a seconda della necessità fino a quando non sei sicuro che le ha imparate BENE.

–> Se necessario fare simulazioni su simulazioni. Saper fare un buon invito nel Network Marketing è già il 50% della chiusura! Soprattutto eviterà alla new entry di prendere “pacchi“.

6) Fissare immediatamente almeno 2 eventi per la VENDITA del prodotto (o servizio) a casa sua e 2 eventi per presentare l’opportunità!

–> Immagina per ogni distributore che sponsorizzi o che sponsorizza la tua rete, se ognuno fissa fin da subito già alla start-up 4 eventi a testa? Avrai un calendario pieno o vuoto? E secondo te i soldi li fa chi ha il calendario vuoto o chi ha il calendario pieno zeppo di eventi?

6b) Aggiornarlo sugli eventi settimanali online e offline della sua zona.

STOP

“Ma come stop?” starai pensando…

Si STOP.

Ti sembra difficile quello che abbiamo fatto con lui o è DUPLICABILE?

Pensaci un attimo…

Gli abbiamo chiesto il suo reale “perchè” PRIMA di iscriverlo. Lui ha fatto la procedura di iscrizione così ha imparato come farla per le prossime volte.

Hai stabilito che dovrà seguire quello che gli dirai (il compromesso).

Hai definito gli obiettivi di guadagno a breve-medio termine e soprattutto il TEMPO che vuole dedicare all’attività.

Gli hai fatto vedere COME fare la lista nomi e COME fare le chiamate per il prodotto e per il business.

Hai fissato fin da subito i primi 4 eventi dove gli faremo guadagnare i primi “soldini” (i famosi 2/3 giorni) e sponsorizzare le prime 2 persone.

Gli hai lasciato un calendario settimanale degli eventi che può sfruttare in più a quello che lui ha stabilito per completezza.

Serve altro?

NO. Almeno per quanto riguarda la START UP.

La start up NON è un evento ma un processo!

Non possiamo “ubriacare” un nuovo collaboratore che fino a ieri non sapeva neanche cosa fosse il NM, di tutte le info che noi abbiamo accumulato in anni!

Ricordi l’obiettivo principale di una START-UP?

Far guadagnare il nuovo collaboratore nei primi 2/3 giorni.

–> Le conseguenze DEVASTANTI di una START-UP fatta ad hoc –>

Un nuovo collaboratore con una start-up come l’abbiamo vista prima, che guadagna i primi soldi in questa industria nei 2/3 gg successivi alla sua iscrizione, sarà felice SI o SI?

E secondo te quando domani si troverà ad iscrivere una sua nuova prima linea, cosa credi che gli insegnerà?

Esattamente quello che tu hai fatto con lui.

E’ vero che una start-up così può richiedere anche un’ora abbondante…ma guarda i RISULTATI?

Quale delle 2 start-up che abbiamo visto pensi che possa farti ottenere maggiore DUPLICAZIONE nella tua attività?

 

duplicazione network marketing

 

Hai una B-O-M-B-A in mano ogni volta che sponsorizzi un NUOVO collaboratore con questa START-UP!

Ricorda –> Se le persone GUADAGNANO…NON mollano!

Mi auguro con questo articolo, di averti aiutato un po’ di più nel farti capire l’importanza VITALE che ha la fase di START-UP di un nuovo collaboratore nel NM.

Del resto ricorda:

Il tuo successo nel Network passa attraverso il successo dei tuoi collaboratori!

Leave A Reply (0 comments so far)

No comments yet